Irreversibilmente

Sono vento…

Ti vengo a cercare
tra i corridoi della terra,
tra le presenze dell’infanzia,
dove le voci familiari
consumano l’assenza.
La solitudine si posa sui rami
come una colomba bianca,
e canta fra i rimpianti
con un suono che raccoglie l’alba
nella memoria e…
tutto quello che mi sfiora
ti somiglia.

Solo vento…

T’accarezzo l’ombra
e più non sento il vuoto
della vita;
il tuo profumo è un passaggio
di nuvole piene di clemenza,
e la distanza sfuma nella pelle…
irreversibilmente.

Sempre vento…

Fin dove finisce l’inverno,
per essere sempre tramonto
in questo cielo stanco,
e forse un ricordo,
l’unico che germoglia
quando ti penso.

26/08/2021
A mia madre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.